top of page

Le radici di Impact Hub

di Gemma Tabet


Gli Impact Hub si trovano ovunque: essendo la più grande rete mondiale incentrata sulla costruzione di spazi comuni e di coworking per gli imprenditori, non sorprende che siano sparsi in 5 continenti, in oltre 50 Paesi e in più di 100 città. Ogni Impact Hub è unico, fondato separatamente da diversi innovatori locali, che apportano diversità e variazioni a una comunità radicata a livello globale con la sostenibilità al centro. Ma qual è l'Hub originale? Qual è esattamente la storia di questa community?


Le radici di Impact Hub possono essere rintracciate nel Regno Unito (UK); nello specifico, a Londra nel 1988. Un gruppo di giovani sognatori, studenti dell'Atlantic College di Wale guidati da Jonathan Robinson, era pronto a sondare il terreno e, soprattutto, a spingersi oltre i limiti. Alla ricerca di un dibattito su questioni ambientali, politiche e sociali, organizzarono un evento di due giorni alla Royal Festival Hall di Londra, in grado di ospitare circa 2.500 persone, invitando leader e pensatori di spicco a livello mondiale, come diversi vincitori di premi nobili, la fondatrice di The Body Shop Anita Roddick e Jon Snow, giornalista e conduttore televisivo inglese. Anche il Dalai Lama è stato arruolato per un discorso video.


Il successo è stato grande e la perseveranza, l'audacia e la passione del gruppo sono state riconosciute dalle Nazioni Unite, che li hanno invitati a organizzare e ospitare un evento ONG per il Vertice mondiale delle Nazioni Unite sullo sviluppo sostenibile del 2002 a Johannesburg, in Sudafrica. Ma i giovani hanno scelto un'alternativa: andare a Soweto, una città sudafricana al centro del Movimento anti-apartheid, dove gli attivisti e la comunità locale hanno lottato per ricostruire e recuperare una società circondata da terreni incolti.


Al momento del Vertice delle Nazioni Unite del 2002, il gruppo di studenti che aiutava gli abitanti di Soweto aveva trasformato le montagne di rifiuti nella Soweto Mountain of Hope o "SoMoHo" (fondata e diretta da Mandla Mentoor, un attivista anti-apartheid). Una torre un tempo abbandonata in una terra pericolosa e sterile è diventata un centro artistico ed ecologico-culturale grazie agli sforzi dei volontari, un'icona per la rigenerazione della comunità locale e lo sviluppo sostenibile; una storia che ha raggiunto le orecchie di molti leader mondiali, tra cui l'ex Segretario Generale delle Nazioni Unite Kofi Annan, che ha persino trovato il tempo per una visita.


Tornando in Europa, i giovani si sono resi conto che, come a Soweto, anche nel Regno Unito c'erano molti che volevano fare la differenza con il loro lavoro. Ma queste persone dovevano affrontare le sfide dell'isolamento, bloccate negli uffici di casa. Così è nata la loro idea: e se le persone che cercano il cambiamento potessero avere accesso a uno spazio condiviso dove connettersi e collaborare tra loro?


Robinson, insieme al gruppo sempre più numeroso, ha affrontato questo problema nel 2005 creando "The Hub" nel quartiere londinese di Islington, il primo luogo di lavoro completamente dedicato all'innovazione sociale. Utilizzando il budget di uno studente, il loft londinese di 300 metri quadrati è stato presto trasformato con un design interno fatto di materiali riciclati e riutilizzati, riunendo i changemaker e permettendo loro di connettersi con le loro comunità per organizzare eventi e promuovere i loro progetti e le loro idee.


I mesi passano e la popolarità di The Hub cresce. Robinson costruì una rete internazionale e si mise in contatto con loro, desideroso di sostenere una comunità di changemaker sempre più ampia. Un incontro nel 2007, tuttavia, non si tradusse in un sostegno da parte dei membri, ma consistette in una gradita sorpresa: altre persone si dimostrarono altrettanto motivate e interessate a scoprire come aprire i propri Impact Hub nei loro Paesi d'origine.

Il gruppo decise di creare principi più chiari di costruzione della comunità e di co-creazione dello spazio: principi ideati a Soweto e testati a Londra, ma da perfezionare. Nel 2008, altri nove hub si sono aggiunti al primo in tre diversi continenti. Questi nuovi spazi hanno avuto un grande successo, attirando persone da tutto il mondo che cercavano di costruire un mondo migliore.


Ma nel 2010, la tensione è aumentata a causa della dozzina di nuovi hub, che hanno iniziato a lottare per il controllo e si sono apertamente opposti alle richieste del centro, cercando di rinegoziare o rifiutando di pagare la quota di adesione e le entrate, causando una crisi di liquidità. Ad Amsterdam è stata convocata una riunione d'emergenza dei team fondatori e si è deciso che il progetto sarebbe dovuto diventare un collettivo con un modello bottom-up di co-leadership e pratiche condivise. Gli Hub locali sarebbero stati in grado di possedere se stessi e di far parte dell'organizzazione principale, l'Associazione Hub di Vienna. Questa associazione sarebbe stata proprietaria del marchio, dei sistemi informatici globali e avrebbe preso decisioni ufficiali attraverso un sistema democratico di governance, in cui ogni Hub aveva un solo voto. Due anni dopo, nel 2013, è stato finalmente deciso un nome: Impact Hub.


Nel corso degli anni Impact Hub ha ampliato la sua comunità globale di innovatori e imprenditori, raddoppiando il numero di membri fino a raggiungere gli oltre 160.000 iscritti. Nel 2019 è stato inaugurato Impact Hub Svizzera, con sei Impact Hub svizzeri a Basilea, Berna, Ginevra, Losanna, Zurigo e, naturalmente, Lugano con il nostro Impact Hub Ticino (IHT).


Fondato da un gruppo di amici audaci, Impact Hub è sbocciato in una rete globale di successo incentrata sull'incontro di persone di ogni provenienza per immaginare un mondo ideale in un luogo di lavoro condiviso. Impact Hub offre ai sognatori gli strumenti per creare un mondo migliore, permettendo loro di costruire progetti comunitari incentrati sulla sostenibilità e sulla collaborazione; il tutto per risolvere problemi globali urgenti. Impact Hub è cresciuto molto rispetto a un semplice luogo di lavoro; il suo modello attuale non è più incentrato sullo spazio, ma è cambiato per concentrarsi sullo spazio come fattore di impatto. Tuttavia, la storia di Impact Hub è tutt'altro che conclusa. Come ha giustamente affermato Impact Hub Islington, "guardiamo al futuro".

Comentários


bottom of page